HOME-FILM » (Download del 2011), (Drammatico del 2011), (Drammatico Download del 2011), (Drammatico Download), (Drammatico Streaming del 2011), (Drammatico Streaming), (Drammatico VK), (L Aggiornato), (L del 2011), (Streaming del 2011), (VK del 2011), (VK), -Download, -Streaming, 2011, Drammatico Aggiornato, Usa » L’arte di cavarsela (2011)

Attenzione! L'INDIRIZZO UFFICIALE E' CB01.TV ex cineblog01 (L'unico originale)

 

L’arte di cavarsela (2011)


19 gennaio 2012

 

Se non vedi i video,
CAMBIA IL DNS !!

DRAMMATICO – DURATA 84′ – USA                                                                 

Il taciturno e solitario George sta frequentando l’ultimo anno del liceo. Il ragazzo non ha mai brillato negli studi per via del suo innato fatalismo che lo porta a non credere nelle proprie capacità, è bravo nel disegno ma non ritiene che ciò possa garantirgli un futuro. La progressiva amicizia con Sally, compagna di un corso scolastico molto popolare ed estroversa, porterà il giovane a…
+Info »

 

Streaming (AC3.DVDRip):
Nowvideo
(HDTVRip):
Nowvideo: 1° Tempo2° Tempo
Videopremium: 1° Tempo2° Tempo
Download (AC3.DVDRip):
Nowdownload
Rapidgator
(DVDRip):
Freakshare
Rapidgator
Zalaa
(HDTVRip):
Nowdownload: 1° Tempo2° Tempo
Rapidgator: 1° Tempo2° Tempo
Guarda il Film Completo:

 

Guarda il Trailer:

   
 
I commenti sono sottoposti alle linee guida per la moderazione
  • oliverzio

    prezioso. un gioiellino da vedere…

  • willwoosharon

    oddioo…come diavolo a fatto in così pochi anni a diventare un gigante??l’unica cosa che non è cambiata è la testa,praticamente sembra il bambino della fabbrica di cioccolato che cammina sui trampoli.

    lasciando perdere le mie elucubrazioni mentali
    il film è proprio stupido,insomma la tipica commediola da teenager,non c’è molto da recensire e nemmeno da vedere.

    -_-”

  • http://cineblog01 denny91

    veramente bel film da vede consiglio da tutti a vedere il film

  • GIGG00

    Per chi vorebbe rivivere i poroblemi esistenziali de son Ado..si, altro, no lo so..comunque son troppo cresciuto per questi stronzate..sigh.

  • AlexDubcheck

    “dallo studio che ha prodotto Juno”
    garanzia di cagata, insomma…
    quel film era insopportabile

  • http://meta.wikimedia.org/wiki/User:Mauro_Lanari Mauro Lanari e Orietta Anibaldi

    L’AMORE IN REGIME DI MORTALITÀ: VAN SANT VS WIESEN
    Lo straordinario stile artistico di Van Sant non gli garantisce di sfornare solo capolavori: il suo referente Bresson c’è riuscito poiché, film dopo film, ha insistito con irrefrenabile approfondimento nello sviscerare gl’argomenti più ardui, l’insostenibile problematicità dei massimi sistemi. Invece Van Sant, dopo “Elephant”, non ha mostrato affatto un’analoga costanza e pervicacia. “Restless” sembrerebbe fare eccezione, il suo preziosissimo merito di trattare con delicato pudore temi tanto atroci, crudi e crudeli induce a pensare, stimola un flusso davvero copioso di riflessioni. Qui il “cancer movie” assurge a metafora dell’intera esistenza: “L’amore che resta”, sì, ma in persistente regime di mortalità, fra l’amore ch’esige e pretende eternità e, forse in un circolo virtuoso, l’amore che, se assoluto e perfetto, potrebbe ottenere e raggiungere l’eternità. Però non c’è stile che tenga quando l’opera è a tesi, la tesi viene espressa nei pochi secondi dell’ultima scena in cui si decanta lo scioglimento della trama, e la tesi è un obbrobrio intellettuale: “Cogliete l’attimo”. Grazie, Maestro, la sua lezioncina di vita, l’appello a tirare a campare a oltranza cercando di cogliere il lato positivo d’ogni situazione, ci sembra d’averla già sentita infinite altre volte e coi toni più assordanti immaginabili: un lavaggio del cervello plurimillenario. Poche immagini conclusive e la montagna partorisce un topolino miserrimo cadendo nel più diffuso degl’errori qual è l’ipotecare il futuro in negativo o in positivo, se non nel nichilismo ottuso allora nell’ottimismo altrettanto ottuso. “Tertium non datur”? Secondo simili autori no, no di sicuro, no mai. Loro sono detentori di Verità & Certezze, appartengono ai Privilegiati cui sono state elargite Scienza Infusa, Palla Di Vetro e Macchina Del Tempo. Perlomeno non è detto, alla faccia loro, che cotanta presunta e presuntuosa autoconsapevolezza costituisca una fortuna.
    La riprova è fornita da “L’arte di cavarsela”, film dell’esordiente Gavin Wiesen che affronta l’identica tematica con variazioni sostanziose, sostanziali, decisive. “I guardiani del destino”, George Nolfi 2011: medesima scommessa su un’utopica, rivoluzionaria superaddittività positiva nel rapporto di coppia, ma eliminando sci-fi, action-movie da videogame, ostentazione di filosofemi metafisici e garanzie d’happy ending; “Sacco a pelo a tre piazze”, Rob Reiner 1985: stesso lirismo amoroso però spurgato da romanticaglie narrative estranee alla realtà brutale e impietosa; “Risky Business”, Paul Brickman 1983: analoga capacità di proporre un’intera antropocosmologia camuffandola per trito racconto di formazione adolescenziale e sapendola riassumere in un brano poprock quasi ignoto quanto capo d’opera (“Love on a Real Train” dei Tangerine Dream vs “Here” dei Pavement), solo che stavolta il problema affrontato è il più bruciante e drammatico all’ordine del giorno: allora, esiste o no un valido antidoto al manicheistico dualismo offerto dalla modernità? Sì, qualora ci s’imbatta nell’indecidibilità del postmoderno. “Tutto è possibile”: sicuri-sicuri? Macché, anzi è il disincanto d’una crisi generalizzata e non più negata a svolgere la funzione di molla maieutica, sebbene è con il “forse” finale dei due memorabili giovani protagonisti che possono rialbeggiare scenari altrimenti preclusi per principio. “The Art of Getting By” costituisce il magistrale primo lungometraggio di Wiesen, uscito in anteprima al Sundance Film Festival il 23 gennaio 2011 e miracolosamente provvisto d’ogni pregio e nessun difetto dell’arte indie: proprio come quel primo album dei Pavement, 20 (v-e-n-t-i) anni fa.

  • CryRocks

    è un salinger di base rivisto, e questa raccomandata di emma roberts comincia a farsi conoscere anche grazie al talento e non solo grazie al cognome.. Film voto7, ma non aspettatevi che vi sconvolga l’anima.
    Questi tipi di film posso piacere come possono risultare noiosi e senza senso…

  • Alex96Number1

    @ ALEXDUBCHECK
    HahHAhaah! E` quello che dico sempre io! AHAHhaahah sei un grande LOL

  • farcio

    molto carino…bella regia e sceneggiatura…e poi non e’ esasperato e irreale come juno nei dialoghi per esempio…ma molto piu reale e concreto…direi che e’ tutto azzeccato… ovviamente deve piacere il genere…a molte persone la “normalita” annoia.
    bella pure la colonna sonora! voto al film 7e 1/2
    audio e video ottimi

    @mauro lanari & orietta anibaldi ogni vostro commento..per me e’ sempre un momento speciale di lettura…grazie !!

  • http://meta.wikimedia.org/wiki/User:Mauro_Lanari Orietta Anibaldi e Mauro Lanari

    @Farcio: grazie a te, per il tempo che ci dedichi e per i complimenti. “A molte persone la ‘normalità’ annoia”: e già.

  • Michela

    Davvero carino, lo consiglio

  • arwen

    Questo film mi ha fatto impazzire!!l’avrò rivisto già una decina di volte!!bello,bello e bello!!consigliato,consigliato e consigliato!!

  • z6xxxjjm

    Anche se non è il film dell’anno, a me è piaciuto. Una visione gradevole.
    Il protagonista Freddie Highmore, è un giovane prodigio, che nonostante la sua giovane età ha già stupito tutti con interpretazioni in numerosi film tra cui “Neverland – un sogno per la vita” e in particolar modo “La musica nel cuore (August Rush)”.
    La sua interpretazione in questo film è decisamente meno impegnativa che negli altri, ma è pur sempre un bel lavoro. Ne risulta un film leggero, che merita comunque di essere visto.

  • http://www.facebook.com/panzacchi.angelo Panzacchi Angelo

    Dopo aver visto il film e letto il commento del duo Mauro & Orietta, che dire ??? (ma che cavolo si fumano questi due strabilianti ma preparatissimi, presumo, giovani recensori)
    Il filmetto e’ godibile (come sempre gli attori americani sono i migliori – anche forse ancora di piu’ i giovanissimi, come questi) ed e’ un’analisi del disagio di un giovane introverso che deve affrontare in un sol colpo i problemi dell’amore del futuro dell’amicizia e della famiglia.
    Ben svolto, senza tanti fronzoli e pietismi vari.
    Anche il finale rimane giustamente aperto, cosi’ come e’ la vita di ognuno di noi, “tutto e’ possibile”

Info: Questo sito offre un semplice servizio di catalogazione. Ogni opera audio visiva elencata in questo sito,        | CB01.TV ex CineBlog01 è un Sito Sicuro! è inserita in altri siti e quindi non messa da noi. Ogni link ad opere dell’ingegno qui presente è reperibile tramite un qualsiasi motore di ricerca ed inoltre il materiale audio visivo per quanto ci concerne è autorizzato ad essere trasmesso dagli stessi siti che ne mettono a disposizione lo streaming e qualora così non fosse è responsabilità degli stessi siti di streaming cancellare il materiale protetto dalle loro vigenti norme sul diritto d’autore. Il nostro, in conclusione, è un semplice servizio di catalogamento di link verso materiale audio-visivo che non viola in alcun modo le nostre leggi vigenti. Qualora siate convinti del contrario vi preghiamo di contattarci e di segnalare la legge e il\gli articolo\i secondo i quali il nostro non sarebbe un servizio regolare.                                          © 2014 CB01 ex cineblog01| FILM GRATIS IN STREAMING E DOWNLOAD LINK - SEGUICI SU Facebook   Twitter   Google+