HOME-FILM » (B Aggiornato), (B del 2013), (Commedia del 2013), (Commedia Download del 2013), (Commedia Download), (Commedia Streaming del 2013), (Commedia Streaming), (Download del 2013), (Streaming del 2013), -Download, -Streaming, 2013, Commedia Aggiornato, Featured, Italia » Benvenuto presidente! (2013)

Attenzione! L'INDIRIZZO UFFICIALE E' CB01.TV ex cineblog01 (L'unico originale)

 

Benvenuto presidente! (2013)


29 marzo 2013

COMMEDIA – DURATA 100′ – ITALIA                                                   

Giuseppe Garibaldi, detto Peppino, è un montanaro disoccupato che vive nella semplicità di un piccolo paesino di montagna. Ottimista e amante della pesca, Peppino si ritrova per errore ad essere eletto Presidente della Repubblica italiana. Insediatosi al Quirinale, non si lascerà travolgere dagli intrighi e dai tranelli della politica, riuscendo con la sua vena di anarchia e gioiosa follia a…
+Info »

 

Streaming:
Firedrive
Moevideo
Nowvideo
Speedvideo
Videomega
Videopremium
Videott
Download:
Cloudzilla
Rapidgator
Uploadable
Uploadrocket
Backin: Parte 1Parte 2
Nowdownload: Parte 1Parte 2
Tusfiles: Parte 1Parte 2
Screen / Report    AC3.BRRip
Guarda il Film Completo:

 

Guarda il Trailer:

   
 
  • axel

    Banale e demagogico a livelli sconceranti. Poteva essere un buon film con una trama solida, invece è una favoletta di una ingenuità che lascia basiti.

    • Antonello Ponzio

      Non mi pare un film ingenuo, anzi! Per me è fin troppo “paraculo”.

    • gigi

      ma che dici, i film di bisio sono sempre grandi

    • Francesca

      Ingenuo no ma si poteva fare di meglio, è vero. E’ molto più bravo Antonio Albanese.

    • Sara Bani

      Concordo su ogni punto.

    • http://www.facebook.com/pia.chiarello Pia Chiarello

      sarà pure una favoletta ma quanto avrebbe bisogno questo paese di un po di pulizia!liberarci di nani,ballerine e ladri!

  • Tiziano Denti

    Bisio è’ il Grasso del cinema… un furbacchione sempre al posto giusto. Trasuda noia:: banale come comico e nullo come attore. Pasolini e Bisio sono due modi opporsti di vedere e raccontare la vita. Il primo non riesce ad essere mai dentro il branco il secondo è solo branco e sempre più di pecore.
    PS: dopo decenni di cinema di altissimi livelli oramai ci sono solo stè puttanate e se penso che tra poco la natura si chiamerà pure Ermanno Olmi… depressione to the max. Speriamo nei nipot visto cshe i figli strasudano conformismo manco fossero nati nel bromuro. PS: Castellitto mazzantini non bastano a tenere in piedi quella che era la punta di diamante del cinema europeo.Mò mi gurado Totò e mi scrollo di dosso stè babbeo.

    • gianluigi92

      che bisio sia banale hai ragione !

    • Luca Tavecchio

      banale. per restare in tema..un qualunque pescatore andato due volte al cinema nella sua vita poteva scrivere lo stesso, anche solo per sentito dire.. ma poi in fin dei conti.. un commento come il tuo che poteva apparire spocchioso sotto l’ultima fatica di un Castellitto qualunque assurge al ridicolo sotto ad un film che non ha alcuna velleità artistica se non quella di intattenere con qualche battuta da cabaret prestata al cinema.. ti dirò un segreto inoltre..il nostro cinema ha un grande tradizione di film non certo memorabili.. anche se uno come Tarantino (tanto per nominare un regista a caso talmente famoso che tutti sanno che è uno figo anche se non saprebbero citare un suo film) non sarebbe d’accordo.

  • Antonello Ponzio

    A parte la botta disgustosamente moralistica sul finale alla “chi è senza peccato scagli la prima pietra”, c’è da dire che ci si fanno anche quattro risate. Insomma… se non aveTe altro da fare, va bene tutto, no??? VOTO: filmettino ino ino ino.

  • prvarotto vaffa

    è bello vedere come quelli che ne sanno di cinema o credono di saperne, insultano sempre i film di questo genere.. che nella realtà sono i più apprezzati dal pubblico italiano.

    • Tiziano Denti

      ogniuno qui è libero di esprimere i suoi gusti senza per questo criticare queli altrui…. magari Mengoni o Al Bano piacciono alla maggioranza degli italiani ma io posso senza che nessuno si senta offeso dire che mi fanno pena? Nè io mi sono mai offeso se Bisio è il più pagato tra gli… come chiarlo?… ‘attori’ italiani… Anzi sono felice per il suo conto in banca e sono felice che piaccia ai miei concittadini! Rimpiango solo il tempo in cui era l’armata brancaleone a riempire i cinema o roba del tipo. O cochi e renato. O albeto sordi. O Fantozzi. Qui è tabula rasa da anni. Ne approfitto per ringraziare questo sito che mi permette di vedere cose stupende iraniane, tedesche, polacche danesi messicane e francesi (ho scritto l’ordine dei film di questa settimana).

      • prvarotto vaffa

        guarda che io la penso allo stesso modo.. per me il cinema italiano è morto dopo il 1997.. quello che voglio dire è che se la domanda generale continua a chiedere questo genere di film il settore cinematografico italiano (molto piccolo) non farà che riproporre sempre film dello stesso genere (commedie frivole). non ci penserà minimamente a cambiare strategia aziendale proprio perchè troppo rischiosa per le case cinematografiche italiane

      • rorro

        se ti piace fantozzi stai inguaiato

        • http://www.facebook.com/vincenzo.spagone Vincenzo Spagone

          I primi due fantozzi sono un capolavoro!

    • Guest

      senza offesa ma è anche per questo che gli italiani nel mondo non sono di certo conosciuti per il loro contributo al cinema…esclusi pochi,pochissimi casi in epoca meno recente.

  • sanacore73

    Patetico brutto. Voto 5

  • Michele

    film carino e divertente.. e la quasi realtà del Governo Italiano

  • http://www.facebook.com/mattia.cattelan.7 Sig Nessuno

    una favola che in questa situazione drammatica permette per un’ora e quarantacinque di sognare

  • cinesintetico

    scarso

  • galvano

    l’italia è questa roba qua… rassegnamoci

  • http://www.facebook.com/liuk.rap Liuk Rap

    io odio troppo bisio come del resto tutti sti “comici” della new generation …

  • jerome klapka jerome

    Dunque dunque! Il film è stato girato più di un anno fa, e miracolosamente è profetico, visto che oggi ci troviamo in questa condizione. Bisio, scuola Leoncavallo, giusto per zittire i beceri ignorantoni nati ieri, è un ottimo comico, che ha saputo rappresentare i difetti degli italiani con la sua originale recitazione, fatta di mimica non convenzionale (avete notato come gli attori americani recitano le stesse emozioni nello stesso modo!). Il film è un ottima commedia italiana, che mostra come la nostra politica spesso è farsa o mero compromesso ideologico. Voti: film 10/10 , video 7/10, audio 8/10 Guardatelo e ringraziate Cine Blog 1 che ci ha offerto questa chicca!

    • Tiziano Denti

      perchè vuoi zittire e dai dei beceri nati ieri a chi ha gusti differenti dai tuti. puoi anche non rispondere… mica mi cambia la vita… solo curiosità della psiche del prossimo. ti è difficile espirmere i tuoi gusti senza colpire gli altri tipo: a me piace la peperonata senza aggiungere che chi non la mangia è un fesso ignorante? SPS: ti avesse fatto ridere veramente stè porcata di film non credo che il tuo umore sarebbe così poco allegro. PS”: “Guardatelo e ringraziate” è facoltativo o appartieni al regno di Narnja e ci mandi una fatha?

      • jerome klapka jerome

        Vero! Hai ragione, ma sai, qualche volta divento saccente, sapone (Petrolini: io so tutto! Sono un sapone!) e molto veloce nel commento, quasi impulsivo. In una giornata arrivo a guardare anche 4 film, la media è 3. Quindi scrivo il commento in un momento di foga entusiastica, senza rileggere vado oltre. Bella domanda, “perchè voglio zittire?” in realtà non voglio. Piuttosto grazie della critica, mi ha ridimensionato un pochino.

  • Carlo

    Molti pensano che Claudio Bisio sia un comico della nuova generazione. Andate a vedere “I Picari” di Monicelli del 1987 (quasi trent’anni fa..), straordinario film con Gassman, Giannini, Montesano, e altri grandi attori, dove recitava in una parte non secondaria, anche il nostro fenomeno.Ebbene, era incredibilmente uguale. Stessa faccia, stessa mimica, stesse espressioni. Qualsiasi sia il personaggio, lui interpreta sempre il “presentatore di Zelig”, anche se , al periodo, la fortunata trasmissione non c’era ancora.

  • http://www.facebook.com/pino.morani Pino Morani

    che il film sia retorico è evidente..ma non confondiamo Bisio con gli attori del cinema italiano spazzatura degli ultimi anni..lui è un bravissimo attore(ricordiamolo ad esempio nel”Si può fare”)…ricordiamoci però che in Italia si fanno al 99,9 % solo commedie e forse gli italiani si sono stufati voi che dite? da quanto tempo non si girano nel nostro paese che so thriller o polizieschi di un buon livello..sono tutti importati dall’estero..il fatto è che girare una commedia costa molto ma molto meno..e di questi tempi per il nostro bistrattato ma amatissimo paese l’importante è risparmiare..

  • http://www.facebook.com/virga.giuseppe Virga Giuseppe

    pessimo film peccato poteva sfruttare il momento per fare antipolitica positiva

  • behemoth

    E’ un film e va preso come tale, non un documentario sulla politica. Il film è valido a parer mio, certo si può fare di meglio, come in tutte le cose, ma accanirsi sempre sui film Italiani lo trovo davvero strano, per non dire altro. Claudio Bisio è un istrione, ed è un vanto per il cinema italiano, ma probabilmente se fosse nato a new york sarebbe trattato di certo con maggior rigurardo e stima, poco ma sicuro.

    • Tiziano Denti

      Condivido che se Bisio fosse americano farebbe le scarpe a tutti. Basta criticare il cimema italiano degli ultimi anni. Ho persino avuto una visone questa notte: mi trovavo in una sala assieme a molti giornalisti e c’era un tale che all’inizio mi sembrava Tarantino… ma era suo figlio… eravamo nel 2030 e questo novello Tarantino faceva un discorso simile a suo padre…”devo molto o quasi tutto al cinema italiano”… poi faceva i nomi di Bisio, Finocchiaro, SIani e Raul Bova!”.
      Poi l’effetto della coca finiva e la visione spariva. Ridateci Ronzinante!!!!!!!!!!!!!! Grazie cineblog che ci allevi la pena con dozzine di film eccellenti anche se sottotitolati.

      • behemoth

        hahaha :)

  • http://www.facebook.com/alberto.sammarini Alberto Sammarini

    molto simpatico e pure con un bel finale…BRAVI

  • http://www.facebook.com/pino.nostro Giuseppe Nostro

    Filmetto comico carino, poetico, utopico, proprio quel che ci vuole in questo periodaccio, di politica di politicanti, antimafia dei professionisti dell’antimafia, successi elettorali di demagoghi e imbonitori…

  • Giamboz

    Ottimo film. Potrebbe risultare un po di parte lo ammetto, ma il messaggio e’ decisamente vero e tocca tutte le parti politiche. Chi dice che e’ solo un film paraculo penso che sia troppo troppo immerso tra quelli che Bisio, alla fine del film, dice che…

  • Richard Ferreri

    ottimo film anti politica molto leggero ed educato quasi infantile ma molto molto sagace . BASTA VEDERLO E RIFLETTERE:

  • http://twitter.com/gmarseglia2 Giuseppe M.

    Kasha bellissima… peccato che qualche male lingua dice che sta lavorando molto, solo perché sta con il produttore.

  • Giulio59

    Un film divertente in pieno stile Frank Capra.
    Siamo però nel 2013 pertanto pochi accetteranno un tipo di denuncia sociale che, al tempo (Mr. Smith va a Washington), era ben compreso dal pubblico. Oggi, i più parleranno di retorica facilona e di pistolotti moralistici, trascurando le verità di fondo che vengono denunciate con garbo e col sorriso sulle labbra.

  • http://www.facebook.com/danielenaomi.dimarino.3 Daniele Naomi Di Marino

    potete dire che il film sia banale ma e la verità critichiamo i politici che x la mor di Dio sono ladri.Enoi siamo diventati tutti santi

  • sasa

    film carino e poi e anche attuale

  • Iena Plinsken

    Commediola all’italiana e rappresentazione farsesca dell’attuale stagione politica italiana. A parte gli estimatori che potrà raccogliere, grazie anche al momento attuale, l’insieme risulta essere un mero polpettone satirico.
    Voto: 5
    Video: 4
    Audio: 4

  • Emanuele

    Che, dopo tre giorni (ovvero qualche scena, questione di una decina di minuti) già puzza.
    Il problema di questi film che cercano di cavalcare la complessa ridicola onda della (anti)politica italiana (da ultimo il recentissimo Viva la libertà), sta nel fatto che nascono morti.
    Come direbbe Carlo Lucarelli «era già morto ma non lo sapeva.».
    Nascono morti, e puzzano. Altro che onda: non si rendono conto di essere superati e travolti dallo tsunami – “regolarmente” anomalo – che ci investe di materia fecale e putrefatta ogni istante della quotidianità. Poi, di questi tempi, nei quali impera la presenza infestante del marasma mediatico dalle innumerevoli e subdole forme, suvvia.
    Allora, che fare? Domanda retorica: immergiamoci nella farsa, fino al collo. Fantastico.
    Ma (giocare a) fare i brillanti – cercando di inseguire modelli altissimi (Oltre il giardino) o sublimemente medi e più affini (Dave. Presidente per un giorno) o gloriose gesta appartenenti ad un passato sempre più remoto (notasi la presenza di Lina Wertmuller tra i “poteri forti”) – non è (più) cosa nostra.
    Franare è fin troppo facile, come scrivere un copione con la mente disconnessa, diseducata.
    Per stare al passo con gli infausti tempi occorrerebbe una capacità di scrittura che vada al di là della vana e vacua ricerca della battuta, della scenetta scemotta divertente, degli alternati siparietti sessual-buonisti nella più fedele e tipica tradizione cerchiobottista che dice tutto per non dire nulla.
    Osare, aggredire, divertire con sagacia e inventiva, piazzare stoccate cattive allo stomaco, scavare nel torbido e sporcarsi di melma: mera chimera.
    Invece, con Benvenuto presidente! si pesca sul sicuro, scegliendo un Claudio Bisio cantore del candore e garante della simpatia (alla sua solita maniera: affabile, un po’paracula, perbene, in ultima analisi innocua). In sostanza si ammicca, si innesca l’effetto da indignazione “pro tempore” – cioè la durata del film – per la condotta le ruberie e il malaffare dei disonestissimi corruttissimi rappresentanti delle istituzioni, si persegue con fiato corto la trovata che scateni il plauso generale ed azioni il contagio della sganasciata, si flirta con la fantapolitica applicata al qualunquismo (oppure è il contrario, fa lo stesso).
    Magari qualche sorriso scappa, ma il ricorso ad un repertorio grandemente abusato è più che evidente (sia nelle situazioni comiche che in quelle più “impegnate” come quelle in ospedale con i bambini), se non avvilente (l’«eppur si muove» della Smutniak rivolta all’erezione da muscolo involontario di Bisio rimanda ai pecorecci anni settanta, solo più “ripuliti” e pure un tantino vergognosi).
    I riferimenti all’attualità sono, come detto, superati, ma il difetto principale è che sono del tutto inverosimili, perché completamente assoggettati ai dettami della farsa più cieca che non può – non vuole – colpire nessuno. La figura del presidente tratteggiata dal protagonista risulta alla fine una specie di mostro mitologico – un po’ (tanto) santo un po’ pescatore un po’ bibliotecario poeta un po’ navigatore sulle acque nere della politica capace di raccoglie consensi nonché miliardi di Euro da Cina e Brasile, un po’ genio che seduce e si spupazza la sexy vice segretario del Quirinale – e fuori da ogni logica e contatto dalla realtà.
    Immancabile, poi, giunge l’amo del messaggio al quale è fisiologico abboccare, con la morale affidata al sermone declamato in parlamento dal (dimissionario) presidente che pretende le dimissioni di tutti, elettori compresi, ed auspica un successore adatto e competente. Parole buone e giuste, per carità, ma che due balle.
    L’unico elemento che riesce a deviare, in parte, il paludato prevedibile corso del film è la presenza di Kasia Smutniak, d’una prorompente indecente bellezza, il cui culmine si manifesta quando, in occasione di una “drogata” cena con i cinesi (pizza con marijuana al posto dell’origano, evviva la fantasia), imbraccia una chitarra e canta, ottenendo la partecipazione collettiva, l”inno” Comandante Che Guevara: lì ogni senso raccoglie le proprie energie indirizzandole ad uno solo, la vista, per mezzo degli strafelici increduli occhi che sono irrimediabilmente attratti verso quelle paradisiache cosce.

  • bebba

    Bisio cosa sarebbe senza di te !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  • vale82

    film davvero eccezionale,simpatico e molto profondo…un grande claudio bisio…come sempre! voto 8

  • DarkChris

    Quando ho iniziato a visionare il film ho pensato: «wow stavolta ho speso bene € 7,50…. è una commedia interessantissima!», a fine visione mi sono invece detto: « che opportunità gettata via che è stata questa per il cinema italiano di oggi!».
    Una triste storia basata sulla nostra becera ed inetta politica, raccontata bonariamente poteva e doveva fare male alla classe dirigente italiana, dargli tante mazzate da farli vergognare mentre guardavano o sentivano parlare di questo lungometraggio, invece la voglia di fare la solita pellicola che non offende nessuno e fa ridacchiare qua e là ha prevaricato su un’idea di partenza assai eccellente.
    La regia è mancata davvero, non ha saputo costruire o aiutare una sceneggiatura azzoppata a furia di togliere scene giustamente offensive per i partiti che ci hanno gettato in questa grave crisi ed anche gli attori, non sono riusciti a creare quell’amalgama che avrebbe potuto migliorare il prodotto ed anzi, la maggioranza dei protagonisti pareva fuori posto o sembrava girassero una fiction tanto basso è il livello qualitativo di questo prodotto per le masse.

    Voto al film: 4

    Voto ai partiti: -10 + soggiorno obbligatorio di 10 anni ad Auschwitz

  • giuseppe

    semplicemente stupendo !!! bisio è un grande ..

  • GoLeM75

    Veramente bello!! L’ho visto al cinema e mi sono divertito moltissimo. Smutniak ( spero che si scriva così :P ) brava ed in formissima :P. Bisio assolutamente perfetto . Voto 8-8,5 Da vedere assolutamente anche per il messaggio finale ;)

  • ryuk yagami

    un film stupendo. io sono andata al cinema a vederlo , mi mettevo a ridere e le altre persone mi guardavano male xD

  • ryuk yagami

    claudio bisio è sempre stato un attore fantastico anche quando ero piccola lo guardavo sempre e al giorno d’oggi non mi stanco ancora di guardare i suoi meravigliosi film.. questo film x me è il migliore gli do 10/10

  • imera

    Si potrebbe dire una “favola moderna” e pensare che molti contenuti del film sono molto moderni, come se fosse stato girato stamattina! Piacevole, niente di particolare ma simpatico, non volgare. A parte Bisio, vorrei segnalare Beppe Fiorello, finora visto sempre “buono” che interpreta una parte da “cattivo”. Per me supera la sufficienza.

  • fabrizio russo

    Film attuale sotto molti aspetti. Un film che fa pensare ma anche divertire, ho passato un oretta e mezza spensierata e piacevole. Voto: 7

  • http://www.facebook.com/pia.chiarello Pia Chiarello

    un film che fa sognare di poter vivere in un paese normale e smettere di vergognarsene! giustizialista?forcaiolo? si se significa giustizia,correttezza e dignità! il concetto degli altri è la vera e profonda ragione per cui in questo paese si vive male ed è la grande,assoluta forza di certi politici perchè sanno che si rivolgono ad un popolo che in fondo ama la furbizia e la disonestà

  • fakethearom

    Come al solito, sotto ogni commedia italiana, c’è sempre l’alternativo che critica, che dice che gli attori sono cani e la trama è inconsistente. Facendo appello a Sordi, Gassman, Cochi e Renato ed elogiando film iraniani, russi, birmani. MI viene in mente un passo di tre uomini e una gamba “Minimalista polacco morto suicida copie vendute due”: Perché voi siete così: tanto di nicchia che nessuno vi si incula. Io il film non l’ho visto (e può darsi pure che non mi piacerà), ma invito tutti gli pseudo intellettuali di sto cazzo che criticano Bisio (magari senza aver nemmeno mai visto Mediterraneo) a farsi un giro nella sezione “festival di Locarno” e di rimanerci. Che qui siete di un pesante insostenibile.

    • Axel

      AH quindi chi critica ‘ste cazzate è un’alternativo? E io che pensavo fosse solo uno con GLI OCCHI COLLEGATI AL CERVELLO.
      Poi dopo tipo quindici righe di sproloqui, te ne esci che il film non l’hai nemmeno visto. Wow, mi sa che l’alternativo sei tu. Critichi senza nemmeno vedere, una cosa molto orginale.
      Solo perché tu non c’arrivi non vuol dire che chi è in grado di criticare o analizzare questo o quel film sia per forza uno (e ti cito) “pseudointellettuale de sto cazzo”. Quelli che tu definisci così, e che evidentemente, non riesci a comprendere (e mi dispiace per te) sono solo persone normali che hanno un minimo di GIUDIZIO e non si bevono tutto quello che passa il convento.
      Per quanto riguarda il tuo “non vi si incula nessuno” ti rispondo BEN VENGA. Perché io ad essere inculato non ci tengo proprio, non so’ te!
      Ora vatti a vedere ZELIG che li c’è il tuo caro Bisio se non ricordo male.

      P.S. Come al solito sotto ogni commedia italiana che viene GIUSTAMENTE demolita, c’è il rosicone di turno che invece va in puzza perché non capisce il senso delle critiche fatte al film.

  • http://www.facebook.com/leonaardo.dallarmellina Jonny Creek Sdroventus

    bel film voto 7

  • MirkoMerkurio

    un film che dice la verita su tutto quello ke succede in Italia … Magari ci fosse un presidente cosi in italia !
    mi e piaciuto molto … ma vedendo dai commenti precedenti a molti nn piace perche non e a livello internazionale … il cinema italiano nn va fuori di italia …ma io dico … chissene fregaaaaa ! e un film basato sui problemi italiani e nn vedo il perche deve piacere anke agli altrii !
    FILM FANTASTICOOOO !

  • http://www.facebook.com/vincenzo.morello2 Vincenzo Morello

    Bellissimo e significativo.un esempio x i politici di casa

  • Alberto

    Film semplice ma molto fine. Comunque ricordiamoci che” il pesce puzza sempre dalla testa”

  • http://www.facebook.com/lilli.sonny Livia Sonnino

    Io l’ho trovato un film grandioso diveretente e soprattutto che rispecchia la realtà ovviamente non è un film da oscar ma da vedere assolutissimamente.

  • sconosciuto

    Questo film è troppo bello per me…. me lo sono visto una decina di volte e non mi sono annoiata mai!!!!! anzi mi sono ammazzata dalle risate specialmente all’inizio!!!!!

  • Max

    …io invece credo che nella favoletta ci sia una verità scottante per tutti. Bisio tranne a zelg non mi è mai piaciuto, ma devo dire che ha centrato in pieno la questione fondamentale del nostro paese. tutta gente senza coglioni che giustamente punta il dito verso gli infami ma poi pronta a fare il politico se gli viene proposto.

Info: Questo sito offre un semplice servizio di catalogazione. Ogni opera audio visiva elencata in questo sito,        | CB01.TV ex CineBlog01 è un Sito Sicuro! è inserita in altri siti e quindi non messa da noi. Ogni link ad opere dell’ingegno qui presente è reperibile tramite un qualsiasi motore di ricerca ed inoltre il materiale audio visivo per quanto ci concerne è autorizzato ad essere trasmesso dagli stessi siti che ne mettono a disposizione lo streaming e qualora così non fosse è responsabilità degli stessi siti di streaming cancellare il materiale protetto dalle loro vigenti norme sul diritto d’autore. Il nostro, in conclusione, è un semplice servizio di catalogamento di link verso materiale audio-visivo che non viola in alcun modo le nostre leggi vigenti. Qualora siate convinti del contrario vi preghiamo di contattarci e di segnalare la legge e il\gli articolo\i secondo i quali il nostro non sarebbe un servizio regolare.                                          © 2014 CineBlog01 | FILM GRATIS IN STREAMING E DOWNLOAD LINK - SEGUICI SU Facebook   Twitter   Google+